«Su letti di asfodelo»

Lettere a Caroline Fitzgerald

A cura di Rosella Mamoli Zorzi e Gottardo Pallastrelli

Isbn: 978-88-7768-729-6
Pagine: 120
Prezzo: € 18,00

Categoria:
Autore: Henry James
Editore: Archinto
Codice ISBN:3586

Descrizione

Si presentano qui, per la prima volta, diciannove lettere – fino ad ora del tutto sconosciute e inedite – di Henry James a Caroline Fitzgerald (1865-1911) e al suo secondo marito. Caroline è una giovane americana venuta a Londra dal Connecticut con i genitori; sposa nel 1889 un aristocratico inglese, Edmond George Petty-Fitzmaurice (1846-1935), da cui però divorzia pochi anni dopo. Lady Edmond frequenta gli stessi ambienti intellettuali e mondani di Henry James; ha conosciuto Browning, a cui dedica un libro di poesie, Venetia Victrix (1889) e Edward Burne-Jones che le fa un ritratto. Caroline incontra poi, probabilmente grazie al fratello Edward, esploratore, l’italiano Filippo De Filippi (1846-1935), che con il Duca degli Abruzzi ha scalato il monte Sant’Elia in Alaska nel 1897. È un amore intenso ma difficile; finalmente Caroline e Filippo si sposano a Londra nel 1901. Malgrado i problemi di salute – Caroline morirà a 46 anni di polmonite a Roma – la giovane americana segue il marito nei suoi viaggi: in luoghi remoti e di difficile accesso, in Asia Centrale e in Turkestan nel 1903, in Tibet nel 1909. Se all’inizio le lettere di James sono soprattutto brevi messaggi di scuse, via via si sviluppa una vera amicizia, forse nata anche dal comune amore per l’Italia, e le lettere diventano lunghe e bellissime.

Henry James (1843-1916), americano, autore di romanzi, racconti, saggi, ha i suoi primi successi con Daisy Miller (1878) e con Ritratto di signora (1881). Sceglie di vivere a Londra dal 1876, ma continua a scrivere di americani in Europa e dei rapporti tra America ed Europa, fino ai grandi romanzi degli inizi del Novecento, Le ali della colomba, Gli ambasciatori, La coppa d’oro. Oltre a saggi su scrittori, pittori, luoghi, americani ed europei, al ritorno dal viaggio in America del 1904 scrive il mirabile La scena americana (1907), seguito da autobiografie rimaste incomplete.

RECENSIONI

Rossella Pretto_Satisfiction_12_04_2019

M.T.S._Quelle lettere sconosciute scritte da Henry James_Il Gazzettino_Ed. Venezia_11_02_2019

Luciana Tufani_Ritratto di signora in viaggio_Su letti di asfodelo_LeggereDonna_12_2018

Elisabetta Rasy_Ritratto di donna nuova_Domenica_Il Sole 24 Ore_05_08_2018

Giorgio Villani_Upper class americana sospesa nel tempo_Alias Domenica_Il Manifesto_22_07_2018