Incontri

Corrispondenza 1939-1969

A cura di Laura Laureati

Isbn: 978-88-7768-750-0
Pagine:  208
Prezzo: € 18,00

Categoria:
Publisher: Archinto
Product ID: 4161

Descrizione

Nell’agosto 1939 quando, con il telegramma di Roberto Longhi, inizia questo epistolario trentennale, Giuliano Briganti ha 21 anni, è uno studente all’università di Roma e si laureerà, con una tesi su Pellegrino Tibaldi, solo l’anno successivo. È il figlio di un caro amico di Longhi, Aldo Briganti, storico dell’arte. Aldo Briganti e Roberto Longhi, nel 1915-1916, a poco più di vent’anni, avevano creato una società, per guadagnare insieme un po’ di soldi, utilizzando la loro abilità e il loro occhio di conoscitori, acquistando e vendendo dipinti antichi. Giuliano, fin dalla nascita, conosce Longhi che, quindi, è parte della sua vita da sempre. È lui, accanto a Carlo Ludovico Ragghianti, a guidare il giovane nel percorso dei suoi studi. Quando inizia la corrispondenza, Longhi ha 49 anni ed è un professore universitario già molto noto. Il 2 aprile 1969, alla fine dell’epistolario, Longhi ha quasi ottant’anni e morirà qualche tempo dopo (il 3 giugno 1970). Quel giorno scrive una lettera molto affettuosa al figlio del suo compagno di gioventù. Giuliano, il cosiddetto «allievo», destinatario della missiva, ha poco più di cinquant’anni ed è uno studioso ormai affermato. La possibilità di disporre delle lettere di entrambi i corrispondenti ci consente di raggiungere, pur con numerose lacune, l’unità. Sta ora a noi, allievi di Briganti, tramandarne la memoria. Giuliano ha sempre sostenuto, e lo ha anche scritto che «gli allievi e non solo i libri, come ha detto un grande scrittore tedesco di questo secolo, sono fatti per riunire gli uomini al di là della morte e difenderci contro il nemico più implacabile di tutta la vita: la dimenticanza». E noi tentiamo di rispondere a questo desiderio.

RECENSIONI

Luca Scarlini_Quel sodalizio darte e vita_Corriere Fiorentino_13_05_2022

Un libro per il week-end_il Quotidiano del Sud_30_04_2022

Alessandra Sarchi_Roberto Longhi e Giuliano Briganti_limportanza dei maestri_DOPPIOZERO.COM_02_05_2022

Lo scaffale della Freccia_Incontri_LA FRECCIA_04_2022

Alessandro Morandotti_Libri di formazione a modello epistolare_LINDICE DEI LIBRI DEL MESE_ aprile 2022

Luca Scarlini_IL FOGLIO_25_03_2022

Claudio Zambianchi_Giulianino e il Professore nellincastro dei dipinti_Alias_20_03_2022

LAGAZZETTADELLANTIQUARIATO.IT_18_03_2022

Claudio Strinati_Longhi e Briganti maestro e non allievo_la Repubblica_17_03_2022

Oreste Bossini-Radio 3 Suite

Maestri darte_Antiquariato_03_2022

Marco Filoni_Due luminose intelligenze_il venerdì_la Repubblica_04_03_2022

Maurizio Cecchetti_Briganti, corrispondenza con indovinelli darte_Avvenire_05_02_2022

Maurizio Cecchetti_Carteggi_Longhi tra Zeri e Briganti, lettere e dissensi_Avvenire.it_05_02_2022

r.c._Occhi magici davanti ai capolavori_Gazzetta di Parma_17_02_2022

Roberto Longhi e Giuliano Briganti nelle nuove uscite di Archinto editore_aise_20_02_2022

Roberto Longhi e Giuliano Briganti protagonisti della storia dellarte raccontati in due libri_Avanti!_02_02_2022

Tiziano Gianotti_Elogio di Giuliano Briganti, lultimo maestro della storia dellarte_Linkiesta_31_01_2022

Laura Lombardi, Antichi maestri_ANTINOMIE_13_02_2022