Teoria della cartolina

Traduzione di Daniela Marin
Isbn: 978-88-7768-681-7
Pagine: 112
Prezzo: € 15,00

Categoria:
Publisher: Archinto
Product ID: 2259

Descrizione

Nell’epoca della corrispondenza digitale, suona curioso farsi riportare ai tempi, forse superati, della cartolina, ma Sébastien Lapaque non condivide l’opinione di chi la vede come una consuetudine sociale ormai prossima all’estinzione. Anzi è affascinato dalle cartoline che, attraverso immagini di luoghi, disegnano un’identità nazionale o esprimono il gusto per i viaggi avventurosi. E ci invita a seguirlo in un vagabondaggio in parte storico in parte immaginativo tra i significati e i simboli della «carte postale». Perché? Per ricordare che le cartoline restano un oggetto vivo e vitale tra tanti gadget insignificanti di cui ingombriamo le nostre vite banalizzate. Nelle raccolte di cartoline ricevute, nelle vecchie cartoline acquistate da qualche rigattiere si possono ritrovare i sentimenti del passato, si possono far rivivere affetti e meraviglie, e quindi abolire il tempo. E ancora oggi, nell’epoca degli sms, il cartoncino inviato per posta rappresenta la rivincita delle relazioni concrete. È un «modo semplice, ma profondo di mantenere legami nel mondo della separazione». L’autore non cessa di ribadire la scarsa attrazione per il mondo dei computer, del linguaggio binario, dei telefoni che ci seguono ovunque e rubano lo spazio alle fantasticherie, ai pensieri e ai ricordi. La Teoria della cartolina finisce così per essere la rielaborazione di un’idea, un cammino tra i paesaggi e i poeti amati, tra alcuni momenti preziosi di vacanza o di svago e i luoghi sognati.